Categorie
EN

News

Home>News

EN388

Tempo: 2021-12-26 Colpi : 19

Le mani sono vulnerabili a una moltitudine di pericoli sul posto di lavoro, tra cui una serie di rischi meccanici. Che si tratti di manipolare piccole parti, eseguire demolizioni, lavorare con il vetro o molti altri compiti, c'è un numero enorme di lavoratori a rischio di subire lesioni attraverso tagli e lacerazioni alle mani. Ecco perché è importante identificare e fornire i guanti di sicurezza più appropriati per il compito specifico.

Al fine di aiutare gli utenti e i responsabili della sicurezza a determinare il livello di protezione di un paio di guanti. La EN388: 2016 ha sostituito le precedenti norme EN 388: 2003 volte a fornire ai responsabili della sicurezza e agli acquirenti di DPI un sistema di valutazione del taglio globale più accurato e affidabile per le mani che lavorano.

Che cos'è la EN 388:2016+A1:2018?

EN388 è lo standard di sicurezza europeo per i guanti di protezione contro i rischi meccanici, che è stato aggiornato più volte nel corso degli anni. EN388:2003 Guanti protettivi contro i rischi meccanici è lo standard riconosciuto a livello mondiale per i guanti protettivi contro i rischi meccanici La versione più recente EN 388:2016+A1:2018 è stato un importante aggiornamento pubblicato come emendamento alla EN 388:2016 nel dicembre 2018.

EN388: 2003 ImmagineEN388:2016


Immagine

EN388: 2016 rilasciata a novembre 2016 ha sostituito En388: 2003 in Europa. I test di resistenza all'abrasione, allo strappo e alla perforazione vengono eseguiti come prima. I risultati dei test corrispondono allo stesso modo della versione 2003 con valutazioni 0-4, dove 4 è il livello di prestazione più alto.

La principale differenza nell'edizione 2016 è in relazione alla resistenza al taglio e alla protezione dagli urti. La nuova versione ora ha due metodi resistenti al taglio:

1. Metodo esistente - (metodo Coup)

In base alla norma sui guanti EN 388, introdotta nel 2003, la resistenza al taglio viene misurata con una macchina di prova Coup. Una sezione di tessuto viene posta in un supporto e una lama circolare rotante viene spostata avanti e indietro a velocità costante, premendo verso il basso con una forza di 5 Newton. Quando la lama taglia, viene calcolata una valutazione delle prestazioni da 1 a 5 dalla distanza totale della corsa.Questo metodo di prova rimane nella versione 2016 ma deve essere utilizzato solo per materiali che non influiscono sull'affilatura della lama.

2. Nuovo metodo - EN ISO 13997 (metodo TDM)

TDM è un'abbreviazione per l'attrezzatura utilizzata per condurre questo test, un tomodinamometro. Questo test prevede che una lama diritta venga trascinata attraverso il campione in un unico movimento, con una nuova lama ogni volta. La "lunghezza della corsa" prima del taglio viene registrata per una serie di forze e grafici tracciati per prevedere la forza richiesta per tagliare il guanto in 20 mm di corsa. Questa forza viene utilizzata per calcolare un punteggio da A a F, dove F è il punteggio più alto.

 

Fai attenzione che

Fino al 2023 i prodotti testati secondo la norma EN 388:2003 sono ancora validi, quindi molti guanti di sicurezza oggi disponibili sono ancora certificati alla versione 2003. Ciò non significa che questi guanti siano inferiori, ma nel tempo verranno nuovamente testati secondo la norma EN 388:2016 con i nuovi metodi di prova.

 

Come vengono testati i guanti di sicurezza

La norma EN 388:2016 utilizza valori indice per valutare le prestazioni di un guanto durante la protezione da vari rischi meccanici. Questi includono abrasione, taglio della lama, strappo, foratura e impatto.

ImmagineResistenza all'abrasione

Il primo numero nel codice sotto il pittogramma EN388 si riferisce alla resistenza all'abrasione. Il materiale dei guanti è sottoposto ad abrasione con carta vetrata sotto una determinata quantità di pressione.

Il livello di protezione è indicato su una scala da 1 a 4 a seconda del numero di giri fino a quando non compare un foro nel materiale. Maggiore è il numero, migliore è la resistenza all'abrasione.

Immagine

ImmagineResistenza al taglio (Coupé Test)

Il secondo numero si riferisce alla resistenza al taglio secondo il test coupé. Ciò comporta una lama circolare rotante che si muove orizzontalmente avanti e indietro su un campione di tessuto, con una forza fissa di 5 Newton applicata dall'alto. Il test è completato quando la lama ha sfondato il materiale del campione e il risultato viene quindi specificato come valore indice. Questo risultato è determinato dal numero di cicli necessari per tagliare il campione e inoltre calcolando il grado di usura della lama.

Il livello di protezione è indicato da un numero compreso tra 1 e 5, dove 5 indica il livello più alto di protezione contro il taglio.

Tuttavia, come menzionato in precedenza, se il materiale smussa la lama durante la prova del coupé, deve essere eseguita la prova di taglio della norma EN ISO 13997 (prova TDM). Questo per garantire che il valore delle prestazioni di protezione del guanto sia il più accurato possibile. Se si verifica smussamento durante il test coupé, i risultati del test di taglio TDM saranno la marcatura predefinita mostrata sul guanto e il valore del test coupé sarà contrassegnato come X.

Immagine

ImmagineResistenza allo strappo

Il terzo numero si riferisce alla resistenza allo strappo. Il test consiste nel trovare la forza necessaria per lacerare il materiale del guanto. 

La funzione di protezione è indicata da un numero compreso tra 1 e 4, dove 4 indica il materiale più resistente.

Immagine

ImmagineResistenza alla perforazione

Il quarto numero riguarda i guanti' resistenza alla perforazione. Il risultato si basa sulla quantità di forza necessaria per forare il materiale con una punta.

Il livello di protezione è indicato da un number compreso tra 1 e 4, dove 4 indica il materiale più resistente.

Immagine

ImmagineResistenza al taglio (EN ISO 13997)

La prima lettera (quinto carattere) si riferisce alla protezione al taglio secondo il metodo di prova EN ISO 13997 TDM. L'obiettivo di questo nuovo test è determinare la resistenza dei guanti di sicurezza applicando una grande forza al tessuto campione in un unico movimento, piuttosto che in continui movimenti circolari come nel test coupé.

Un coltello taglia con velocità costante ma con forza crescente fino a sfondare il materiale. Questo metodo consente un calcolo accurato della forza minima richiesta per tagliare il materiale campione con uno spessore di 20 mm.

I prodotti che si sono comportati bene sotto il test coupé EN 388:2003 potrebbero non necessariamente funzionare altrettanto bene sotto il test TDM. Mentre il test coupé offre una rappresentazione efficace per i tagli causati da oggetti appuntiti e abbastanza leggeri, il test TDM fornisce una specifica più accurata in termini di resistenza al taglio durante il lavoro che include diversi rischi basati sull'impatto.

Il risultato è dato da una lettera da A ad F, dove F indica il livello di protezione più elevato. Se viene fornita una di queste lettere, questo metodo determina il livello di protezione e il valore del test coupé sarà contrassegnato con X.

Immagine

ImmagineImprotezione del patto (EN 13594)

La seconda lettera si riferisce alla protezione dagli urti, che è un test facoltativo a seconda che sia rilevante per lo scopo dei guanti. Se il guanto è stato testato per la protezione dagli urti, questa informazione è data dalla lettera P come sesto e ultimo segno. Se non c'è P, non viene richiesta alcuna protezione dagli urti.

Il test si basa sulla forza media trasmessa del materiale e viene eseguito in conformità alla parte 6.9 (attenuazione dell'impatto) della norma EN 13594:2015 Guanti protettivi per motociclisti.


Immagine

Come scegliere il guanto di sicurezza giusto per il tuo compito

La norma EN 388:2016 ti aiuta a identificare quali guanti hanno il livello appropriato di protezione contro i rischi meccanici nel tuo ambiente di lavoro. Ad esempio, i lavoratori edili possono incontrare regolarmente rischi di abrasione e i lavoratori della lavorazione dei metalli possono richiedere protezione contro utensili da taglio e spigoli vivi. Dai guanti resistenti al taglio ai guanti protettivi specializzati, sono disponibili numerosi prodotti per soddisfare queste diverse esigenze.

 

I lavoratori potrebbero aver bisogno di mantenere tattilità, destrezza e presa, o forse proteggersi da sostanze chimiche dannose. Per questo motivo, è meglio cercare guanti di sicurezza multiuso che soddisfino una serie di requisiti di protezione.

 

Dovresti anche assicurarti che i guanti offrano un elevato livello di comfort e supporto per l'uso quotidiano, nonché traspirabilità e caratteristiche che riducono l'affaticamento della mano e il rischio di disturbi muscoloscheletrici.

EN 388:2016+A1:2018 è l'accreditamento chiave a cui prestare attenzione quando si prende questa decisione. Ecco perché abbiamo creato questa guida per aiutarti a determinare il livello di prestazioni che puoi aspettarti dai guanti testati secondo questo standard.


Una panoramica dei guanti resistenti al taglio offerti da SICUREZZA DEL CIELO

Immagine

Scopri di più su questo argomento e scopri la nostra attuale gamma di guanti antitaglio qui: https://www.skysafety.net/